OBIETTIVO: il 100% dei nuovi siti è ECO-costruito

L’eco-costruzione rappresenta per Decathlon un reale investimento che nel tempo si traduce con importanti benefici globali: riduzione delle fatture energetiche, valorizzazione del patrimonio immobiliare, migliore integrazione paesaggistica e miglioramento del benessere sonoro, visivo e acustico per i clienti e i collaboratori.

A partire dal 2013 gli immobili di proprietà di Decathlon Italia sono realizzati secondo i criteri dell’eco-design e hanno ottenuto la certificazione LEED

L'eco sviluppo in cifre
Nel 2016

I prodotti di marca passione sono venduti in 1176 negozi, distribuiti in 28 Paesi.

Eco costruzione dei negozi italiani

Dal 2012 tutti i nostri siti italiani in proprietà sono certificati secondo il protocollo Leed. Al 31/12/2016, i siti certificati sono 5 :
Bassano – livello certified
San giovanni teatino – livello Silver
Parma – livello gold
Livorno – livello silver
Ferrara – livello silver

Focus
« Certificazioni Ambientali »

La costruzione dei nostri siti rappresenta il 5 % del volume delle emissioni di GES di Decathlon, ecco perché Decathlon lavora con 4 certificazioni riconosciute a livello internazionale:

– LEED (Leadership in Energy and Environmental Design) – Certificazione creata negli USA.

– BREEAM (Building Research Establishment Environmental Assessment Method) – Certificazione creata in Gran Bretagna.

– HQE (Haute Qualité Environnementale) – Certificazione creata in Francia.

– DNGB (Deutsche Gesellschaft für Nachhaltiges Bauen) – Certificazione creata in Germania.

Implicarsi nelle dinamiche territoriali

Un negozio Decathlon si interfaccia continuamente con l’ambiente in cui è inserito. Il negozio è uno spazio di vita per i collaboratori e i clienti e partecipa allo sviluppo locale in diversi modi. Nel 2016, per invogliare la pratica sportiva in Italia, tutti i nostri punti vendita sono stati attivi nell’organizzazione di eventi sportivi che hanno coinvolto 45.000 sportivi.

Focus
« Analisi consumi nei nostri siti »

Ad oggi 114 siti tra negozi, logistiche e uffici sono monitorati attraverso un unico software, ed entro il 2017 completeremo le installazioni raggiungendo il 100% dei siti monitorati.

« Puntare sull'eco-costruzione per ogni nuovo sito »

I nuovi edifici sono decisamente più innovativi rispetto agli edifici standard costruiti vent’anni fa. L’illuminazione naturale nel tetto modera i bisogni d’illuminazione artificiale. la tecnologia d’illuminazione LEDs riduce del 40% il consumo di energia rispetto a un impianto elettrico tradizionale. la Gestione Tecnica dell’Edificio (GTE) facilita il pilotaggio dei dispositivi tecnici ed elettronici e il controllo dei consumi in tempo reale. i pannelli fotovoltaici completano il mix energetico di alcuni siti.

« Conoscere i propri consumi: il primo passo per migliorarsi »

Dal 2012 Decathlon Italia ha deciso di investire tempo e risorse nel progetto ” monitoraggio dei consumi elettrici”, per aiutare tutti i dipendenti ad avere una maggiore consapevolezza dell’impatto dei loro gesti quotidiani, permettendo di spostare l’attenzione dal “quanto consumo” al “come consumo”. L’analisi dei dati ha permesso di conoscere in tempo reale i consumi dei siti monitorati per una corretta previsione dei costi, di correggere malfunzionamenti e cattive abitudini nella gestione degli impianti stessi( in particolar modo illuminazione e condizionamento) ma anche di misurare gli effetti degli efficientamenti tecnologici degli impianti.

« Essere presenti là dove c'è bisogno di noi »

La politica di sviluppo aziendale si concentra su due settori geografici: i mercati maturi (i paesi dell’Europa occidentale) che mantengono un grande potenziale; i Paesi in via di sviluppo con un elevato potenziale di crescita ma in cui il mercato dell’attrezzatura sportiva non è ancora maturo e la nostra intenzione è svilupparlo. La maggior parte dei distributori scelgono i mercati maturi ma Decathlon preferisce anticipare i bisogni futuri e contribuire alla creazione del mercato sportivo. Per accompagnare questo sviluppo in ambito immobiliare, le squadre prediligono l’eco costruzione degli immobili. Nel 2016, 72 immobili hanno una certificazione ambientale. L’obiettivo 2019 è che ogni nuovo immobile di proprietà ne ottenga una.