Immagazzinare e trasportare

L’immagazzinamento e il trasporto dei prodotti sono punti importanti nel nostro sviluppo commerciale. Nel 2015 Decathlon persegue 3 strategie dominanti per ridurre le emissioni di CO2 legate alle attività della logistica: ridurre le distanze percorse dalle merci, ottimizzare i carichi e ricorrere ad altre modalità di trasporto in alternativa a quello stradale.

Impatto CO2 legato al trasporto dei nostri prodotti prodotti delle marche Passione consegnati in Europa (dal 01/01 al 31/12 2015)
409g eq. CO2 /articolo vs 393 (2014)

Questo leggero aumento si spiega con un maggiore uso del trasporto aereo (il +13% di prodotti sono trasportati in aereo), un uso moderato grazie all’aumento del numero di articoli trasportati per m3 dai depositi doganali verso le piattaforme di distribuzione.

EVOLUZIONE DELL’IMPATTO AMBIENTALE DEI PRODOTTI CONSEGNATI NEI NEGOZI IN EUROPA (in g.CO2/art.)

IMG_7042
Il progetto logistico in Cina: tra grandi distanze e multi-attività.

In Cina, gli addetti alla logistica di Decathlon prendono in considerazione come strategia di sviluppo, la necessità di limitare la ripartizione degli stock. In 2 anni la rete logistica è passata da 2 depositi per una superficie totale di 64 000 m2 a 4 parchi logistici per un totale di 334 000 m2. Ogni parco logistico è costituito da 4 edifici di 20 000 m2 organizzato da piccole squadre per sport. I 4 parchi coprono le funzioni di deposito doganale e di piattaforme di distribuzione, diminuendo del 20% la necessità di trasporto.
I 1 500 addetti alla logistica consegnano a 172 negozi e l’e-commerce entro 20 o al massimo 40 ore. Le squadre di trasporto organizzano il trasporto nazionale e internazionale al servizio della produzione. Per rafforzare lo spirito di squadra e rendere accessibile la pratica di 15 sport ci sono delle zone sportive a disposizione dei lavoratori.

Grazie all’evoluzione delle infrastrutture ferroviarie cinesi, il 100% della produzione di Wuhan è spedita nei depositi continentali del nord Europa via treno. Anche altre zone di produzione possono utilizzare questa modalità di trasporto. I termini di consegna passeranno a 23 giorni nel 2016, rispetto ai 42 giorni del 2015 . Questa modalità di trasporto rappresenta una seria alternativa ecologica ed economica al trasporto aereo, che costa il doppio e anche il triplo rispetto al treno.

FullSizeRender

Ridurre le distanze percorse dai nostri articoli

Le nostre squadre applicano sempre nuove strategie d’approvvigionamento utilizzando due leve principali:

  • quando lo sviluppo commerciale lo permette, aprire nuovi depositi per avvicinare gli stock dei negozi, questo ha anche il vantaggio di rendere i prodotti disponibili in breve tempo.
  • ottimizzare gli schemi d’approvvigionamento per limitare le distanze ed eliminare delle tappe.

Dal Nord della Francia, le nostre biciclette utilizzano dei circuiti brevi.

Vicino a Lilla (Francia) Decathlon produce solo biciclette della marca Btwin.
In alta stagione le biciclette sono consegnate direttamente a più di 50 negozi situati nel Nord della Francia, in Belgio e nei Paesi-Bassi, nel raggio di 3 ore di strada (tramite camion) senza passare dal deposito regionale di distribuzione.

Imballaggi ottimizzati, camion e depositi più pieni

Lavoriamo su diversi punti:

  • ottimizzare gli imballaggi: un lavoro condotto dalle nostre squadre di progettazione,
  • riempire i camion: grazie al lavoro delle squadre operative della logistica, il numero degli articoli per camion passa da 12 504 nel 2014 a 14 424 nel 2015, cioè il +15%. Grazie a queste azioni nel 2015 più di 8.500 camion non hanno circolato sulle strade!
  • la percentuale di articoli in deposito per m2: l’ottimizzazione delle capacità di stoccaggio nei depositi esistenti permette di limitare l’antropizzazione dei territori inerente alla costruzione di nuove strutture (un deposito che può raggiungere i 60 000m2). Migliorando l’immagazzinamento in altezza, passiamo da 1259 articoli immagazzinati per m2 nel 2014 a 1330 nel 2015.

 

Questi ottimi risultati sono incoraggianti e dimostrano la volontà delle equipe coinvolte di ridurre gli impatti ambientali legati alle attività logistiche.

Alternative al trasporto stradale

La certificazione ambientale dei depositi logistici (certificazione HQE, LEED, BREEAM, DGNB)
5depositi certificati nel 2015

Il consumo energetico globale dei depositi è di 63 kWh/m2, una riduzione del 12% rispetto al 2014.

Se le infrastrutture lo permettono, i depositi doganali sono ubicati su piattaforme multimodali. In Europa, il 12,1% dei prodotti sono trasportati al porto tramite treno o chiatta.